Gli Agazzini

Tutto ebbe inizio un pomeriggio d’Ottobre…

Inizio
“Amore mi prendi della ricotta allo spaccio?”
“Quanta?”
“Tu non lesinare”

Fine
Più di 500gr di ricotta di Agazzino

Questa ricetta nasce in onore della Sardegna, ma con un elogio alla terra che oggi mi ospita: L’Emilia Romagna.
Dalle tradizionali Pardulas agli originali Agazzini, attraversando mari e regioni che non hanno confini.

“Sa vida no est
fatzile a nisciunu
pro tottu b’hat
penas e affannos
potentes o umiles chi sian
non risparmiat ne
minores ne mannos
Da cando su mundu
es cominzadu
hat binchidu sa legge
de sa natura
su naschere e su
morrer est a pari
no la cambiat ne
ricchesa ne dinari”

“La vita non e’
facile per nessuno
per tutti ci sono
pene e affanni
potenti o umili che siano
non risparmia ne
piccoli ne grandi
Da quando il mondo
e’ cominciato
ha vinto la legge
della natura
il nascere e il
morire sono uguali
non li cambia ne la
ricchezza ne i denari”

Ingredienti:

Per il contenitore
– 200gr di semola finissima
– 200gr di farina 00
– 50gr di strutto
– 1 pizzico di sale
– Acqua qb

Per il ripieno
– 500gr di ricotta fresca
– 150gr di zucchero
– 3 uova
– 1 limone
– 1 arancia
– Gocce di cioccolato qb
– 2 Pere
– sale

Procedimento:

Per il contenitore

Impastare la farina, la semola e lo strutto, aggiungere un pizzico di sale e aiutarsi con dell’acqua tiepida per lavorare l’impasto.
Si dovrà ottenere un composto compatto e liscio
Modellare a palla l’impasto coprendolo poi con un panno e lasciare riposare per almeno trenta minuti

Per il ripieno
Spadellare le pere con dello zucchero di canna e poco liquore a piacere
Quindi in una ciotola amalgamare la ricotta, le uova, lo zucchero, le gocce di cioccolato, le pere e la buccia dell’arancia e del limone grattugiati.

Composizione del dolce
Stendere l’impasto in una sfoglia fine e aiutandosi con un coppa pasta del diametro di 8cm ritagliare dei cerchi.
Disporre all’interno di questi piccoli cerchi un cucchiaino di ripieno e sollevare i bordi pizzicando i lati in sei punti diversi.
Si dovranno formare delle piccole stelle.
Sistemate i vostri Agazzini in una teglia precedentemente coperta con della carta forno e cuoceteli nel forno preriscaldato a 170° per circa 30min.
Per renderli ancora più golosi prima di infornarli cospargerli di zucchero a velo.

paludas

1

2

3

4

Agazzini5

Leave a reply

You may use these HTML tags and attributes: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>