Struffoli

Non è Natale, e anche il Capodanno è passato, ma non importa perchè tanto io sono una blogger atipica e ultimamente arrivo come loro: una volta all’anno.
Gli struffoli invece potreste decidere di prepararli anche per la befana, alla fine queste dolci e semplici palline si lasciano mangiare volentieri anche “fuori periodo” e per quanto possano richiamare un momento di festa, nulla ci vieta di rallegrarci e deliziarci anche in un giorno qualunque dell’anno cacciandoci in bocca palline di simil frolla, fritte e ricoperte di miele.
Tanto miele. Miele in abbondanza!
Per intenderci, c’è così tanto miele che un mal di gola qualunque potrebbe essere una valida ragione per sfondarsi di Struffoli, ma la verità è che non servono ragioni per viziarsi con qualcosa di buono e quando meglio si crede.
Struffoli, Pastiera e Zeppole sono da sempre i cavalli di battaglia della mamma del mio uomo con la barba e il timore reverenziale che provo verso questi dolci è elevato: non li ho mai fatti.
Quest’anno però è stato diverso, quest’anno mi è stato chiesto di farli e con grande gioia ho invaso la casa di un odore di fritto così intenso da riuscire ad aggrapparsi alle pareti restandoci per giorni.
La soddisfazione di vedere quanto il mio risultato fosse simile a quello originale mi ha fatto soprassedere sul fastidioso nuovo inquilino, che poi alla fine qualche giorno dopo gli Struffoli è sparito anche lui 😉

STRUFFOLI

Ingredienti
– 600g di farina 00 (+ altri 400g all’occorrenza)
– 5 uova
– 60g di zucchero semolato
– 60g di burro
– 1/2 bicchiere di Marsala all’uovo
– il succo di 1 limone
– 600g di miele di acacia
– codette di zucchero
– olio per friggere
– Canditi

Procedimento
Preparare l’impasto con farina, uova, burro fuso e raffreddato, zucchero e marsala. Questa è la fase in cui l’impasto potrebbe aver bisogno di ulteriore farina, regolarsi e valutare se aggiungerne o meno al fine di ottenere un panello liscio e facile da gestire (simile a quello della pasta frolla).
Avvolgere l’impasto ottenuto nella peliccola trasparente e lasciarlo riposare per 2h almeno.
Su di un piano lavoro infarinato, prendere l’impasto e ricavarne tanti filoncini del diametro di 1.5cm circa, a questo punto tagliateli per ottenere tanti pezzetti uguali e aiutandovi con le mani smussate gli angoli al fine di ricordare la forma tonda (in cottura gli struffoli assumeranno la tipica forma “a pallina”, non temete).
In una padella mettere abbondante olio da frittura e una volta pronto immergervi le palline, cuocerle sino a quando il colore non sarà dorato e tipico di una buona frittura, quindi scolarle e metterle ad asciugare su carta assorbente.
In un’altra padella mettere il miele e il succo di limone, portarli quasi a bollore e aggiungere le palline precedentemente fritte, lasciarle un paio di minuti e posizionarle sul piatto da portata.
Per aiutarsi a dare la forma desiderata alle palline, sporcarsi le mani di limone e sistemarle a piacimento.
Versare tutto il miele restato in padella sopra agli Struffoli, quindi decorarli con codette di zucchero e canditi.

Struffoli Napoletani

2 comments to Struffoli

  • Mile  says:

    😀 A me piacciono le atipicità. E mi piace anche rispettare i “miei” tempi che non sono necessariamente quelli dei ripiani dei supermercati: pandoro, panettone, cioccolatini di San valentino, fritti di Carnevale, colombe, uova e bla bla bla.
    E così il “giusto tempo” è arrivato anche per i tuoi struffoli che sopratutto ti hanno riempita di gioia e secondo me hanno riempito di gioia anche qualcun’altro 😉
    Buon Anno a te!

    • Caprettarossa  says:

      È sempre bello leggere le tue parole Mile, grazie :*

Leave a reply

You may use these HTML tags and attributes: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>